Distillazioni estive a Verona

Per coloro che non sono potuti intervenire, ma anche per chi c’era, ecco  una piccola carrellata di immagini sulla giornata di distillazione del 2 agosto 2015.  A breve un articolo per descrivere giornate e risultati. Intanto, buona visione!

Il 1° Agosto siamo partiti dalla sede dell’Opificio dei Sensi per la nostra raccolta nello spontaneo di Achillea millefolium e Artemisia absinthium in Lessinia, dalle parti di Campofontana.

Prima della partenza per la raccolta Prima della partemza per la raccolta

 

Quasi subito abbiamo identificato una piccola popolazione di Achillea millefolium ai lati della strada su terreno smosso e non curato.

Prima popolazione di Achillea, sotto Campofontana Popolazione di Achillea sotto Campofontana

 

 

 

 

 

 

Gathering wild yarrow2

E naturalmente quale migliore occasione per parlare di ombrelle vere e di corimbi, ecc., usando l’anatomia comparativa 🙂 ?Explaining the  difference between Apiaceae and Asteraceae Corimbi ed pmbrelle

E dopo la prima raccolta, un momento di riflessione per decidere come proseguire…

 

2015-08-01 12.54.42
2015-08-01 12.55.12

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una volta raccolta altra Achillea e Assenzio, di ritorno all’Opificio le piante vengono stese all’ombra perché appassiscano durante la notte, per aumentare la resa della distillazione.

2015-08-01 15.42.41 2015-08-01 15.42.52 2015-08-01 15.43.31

La giornata di distillazione inizia!dimostrazione distillazione

L’assenzio viene preparato…

preparando l'artemisia absinthium

 

e caricato nell’alambicco.

 

 

assenzio caricato in alambicco

Ci si prepara alla prima goccia di distillato…

20150802_092305 20150802_092325 20150802_092253

 

Con grande attenzione osserviamo l’accumulo di olio di Achillea, stranamente (ma non più di tanto) incolore invece del solito blu inchiostro (a dimostrazione della grande variabilità fenotipica di questa pianta).

20150802_093149

Ed ecco un altro risultato soprendente: dopo poco più di mezz’ora esce la prima frazione di olio essenziale di Assenzio, di un arancio brillante che ci ha stupiti, aspettandoci noi il più classico blu pallido o verde.

prima frazione artemisia absinthiumprima frazione artemisia absinthium 4
prima frazione artemisia absinthium 2 prim afrazione artemisia absinthium 3

 

Ecco quindi le prime frazioni raccolte…

prime tre frazioni artemisia absinthium

che iniziano a virare verso il rosso arancio…

prime tre frazioni artemisia absinthium 3

e poi ad inscurirsi sempre di più…

prime frazioni artemisia absinthium

fino ad un bel rosso prugna.

quasi raccolta la prima porzione di assenzio

quasi raccolta prima porzione assenziola prima porzione, circa 20 ml, di assenzioprimi 20 ml assenzio 2

 

 

 

 

 

 


Blue in the face

L’inizio estate è stato occupato da una serie di test preliminari/di ricerca all’interno del nostro progetto sulle aromatiche di montagna. Volevamo iniziare una collaborazione a tre tra OfficinaLessinia, l’Università di Padova e un costruttore di distillatori, Albrigi srl.  La collaborazione voleva servire a testare la validità di alcuni modelli teorici della distillazione del materiale aromatico e valutare l’impatto di alcuni parametri della distillazione e dell’apparato di distillazione sugli aspetti quali-quantitativi dell’olio essenziale ottenuto. Abbiamo scelto il Pino mugo come materiale da distillare perché tipico delle zone di montagna e perché è una specie di pino tra le più pregiate dal punto di vista del profilo aromatico.  Di seguito potete vedere la raccolta e la distillazione sperimentale.

2014-08-28 18.27.32

Dopo questo miniprogetto (che in realtà è ancora in corso, finiremo gli ultimi test sperimentali nella prima settimana di agosto) abbiamo deciso di passare ad un altro test, ovvero la distillazione di alcune specie erbacee (della famiglia delle Asteraceae) tipiche della nostra zona, l’Achillea millefolium (erba de tagi), l’Artemisia absinthium (menego maistro) e l’Artemisia vulgaris, e particolarmente affascinanti sia dal punto di vista olfattivo sia da quello visivo; tutte e tre le piante contengono infatti nella frazione volatile delle molecole (sesquiterpeni complessi chiamati genericamente pro-azuleni) assolutamente incolori ma che, a contatto con acqua e a temperature elevate,  si trasformano per dare delle molecole colorate, degli spiroeteri detti azuleni (il più famoso è il camazulene, derivato dal proazulene matricina contenuto nella Matricaria recutita) che danno all’olio un ricco colore dal blu cobalto al verde.  Anche in questo caso effettueremo dei test di distillazione per capire se le condizioni del materiale vegetale (fresco, appassito, fermentato) influenzano la resa in olio essenziale, ed anche per costruire delle curve di distillazione per calcolare la durata ideale della distillazione. 

achillea

La nostra prossima distillazione degli oli blu sarà il primo fine settimana di agosto, sabato 1 e domenica 2, ed abbiamo deciso di dare la possibilità alle/agli interessate/i di osservare una parte delle operazioni. Chi fosse interessato può venire a trovarci presso la Cooperativa Opificio dei Sensi che ci ospiterà per la giornata di domenica 2 agosto. Le distillazioni riprenderanno dalle 14:30 in poi, ma è possibile pranzare presso la Cooperativa. Il pomeriggio sarà possibile osservare il processo di distillazione e se siete curiose/i e ponete le vostre domande con garbo, vi daremo anche delle buone risposte!

E qui la mappa

cropped-dist-1.jpg